Skip to content


Stupratore di 4 donne e torturatore a Bolzaneto: è Massimo Pigozzi, poliziotto

A proposito di violenze e abusi con la divisa…di cui ci siamo occupate ampiamente qualche tempo fa quando organizzamo con le compagne del Mfla la giornata di dirette e approfondimenti radiofonici in occasione del processo per stupro e tentato omicidio a carico di Francesco Tuccia, militare attivo nell’operazione “Aquila Sicura”.

Gli episodi continuano e qui ne riportiamo uno particolarmente infame grazie all’articolo di Baruda.

Siamo consapevoli di quanto sia sconveniente persino parlare di “episodio”, termine che evoca un fatto accessorio, un avvenimento quasi casuale.  Mentre qui si tratta di fenomeni che sono la norma, la prassi,  la Legge.

La violenza dello Stato è Legge, ce lo ricordano le morti di Carlo, Federico, Stefano, Marcello, Aldo e purtroppo di tanti/e altri/e.

La violenza maschile sulle donne agita da uomini che “rappresentano lo Stato” non solo è Legge ma è legittimata da quella loro stessa sporca divisa.

Buona lettura.

Una sentenza di Cassazione, a conferma dei due precedenti gradi di giudizio, che condanna il poliziotto Massimo Pigozzi a dodici e anni e mezzo di reclusione per lo stupro di ben 4 donne. Stupri che il Picozzi compieva durante l’espletamento delle sue manzioni lavorative, quindi all’interno delle camere di sicurezza della Questura di Genova ai danni di donne in stati di fermo.

Massimo Pigozzi però noi lo conosciamo già, il suo nome, prima degli stupri “in divisa” era già noto alla magistratura, ma soprattutto a noi che eravamo per quelle strade in quei giorni indimenticabili; non un poliziotto qualunque, un playmobil tra i troppi che ce ne sono…
Massimo Pigozzi – mi piace ripetere il suo nome tipo nenia, così che il tempo lo lasci comunque indelebile nella memoria – era ben noto come torturatore, e per questo già condannato a tre anni e due mesi, per aver … non so trovare il verbo adatto…  divaricato le dita delle mani di un manifestante fino a spaccargli la mano (dopo Giuseppe Azzolina fu suturato con 25 punti e ha riportato una lesione permanente ) .

Insomma, Massimo Pigozzi è un uomo di Stato e in quanto tale è stato condannato per aver compiuto tortura su un uomo in stato di fermo, e in quanto tale ha stuprato ben 4 donne dentro una Questura anche loro in stato di fermo, quindi in una condizione di debolezza totale.
La corte di Cassazione ha per questo stabilito che il risarcimento venga pagato dallo Stato, dal Viminale per essere precisi, perchè se stupro c’è stato, dice senza troppi giri di parola la sentenza depositata oggi – e c’è stato per ben 4 volte- è stato possibile per volere dello Stato, che dopo la condanna per i fatti di Bolzaneto ha pensato bene di mantenere quel personaggio a svolgere il suo lavoro, avendo oltretutto modo di avvicinare e poter rimanere solo con persone in stato di fermo.

Dopo i giorni di Genova ha continuato a fare il suo mestiere, Dopo la condanna a tre anni e due mesi per i fatti di Bolzaneto, ha continuato a fare il suo mestiere, Dopo uno stupro e poi un altro e poi un altro e poi un altro, tutti avvenuti in caserma mentre continuava a fare il suo mestiere.
Oggi il terzo grado di giudizio: il fatto che sia la magistratura a toglier dalle caserme questi personaggi e non il “furor di popolo” mette un po’ di tristezza, ma tant’è.

Son sentenze che però andrebbero lette e rilette in faccia a chi diceva che a Genova in quei giorni c’è stata la “sospensione della democrazia”, o a chi parla di “mele marce” quando avvengono certi fatti in caserma.

1.3.1.2.
ACAB

Posted in acab, antimilitarismi, controllo, femminicidi, g8genova2001, processo l'aquila, repressione, violenza di genere.

Tagged with , , , , .


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.