Skip to content


A Tunisian Girl

Avevo comprato questo “petit livre” – come lo chiama la sua autrice – in dicembre, ma l’avevo lasciato a decantare sullo scaffale della mia libreria come spesso mi capita quando ho troppi libri da leggere contemporaneamente…finisce che qualcuno ha la meglio o che tutti, senza distinzione, subiscono gravi rallentamenti…
Fatto sta che l’altro giorno l’ho ripreso in mano e me lo sono letto tutto d’un fiato. Il libro si chiama “Tunisian girl” ed è scritto da Leena Ben Mhenni, una giovane tunisina che con il suo blog è stata tra le fonti più importanti di notizie e informazioni durante il processo di trasformazione e di lotta del suo paese.
Leena non si è limitata a scrivere e raccontare, ma è stata protagonista sul campo, partecipando attivamente alle manifestazioni, alle battaglie, alla cacciata di Ben Alì da parte della piazza. Un’attivista della rete che non si è accontentata di osservare, ma ha voluto toccare con mano, provare sulla propria pelle.

Già il racconto è stata un’impresa, visti tutti gli ostacoli che si è trovata davanti, lei come tutti gli/le altri/e bloggers e/o frequentatori della rete. Il governo ha fatto di tutto per oscurare siti, incarcerare attivisti e giornalisti, impedire a chiunque di raccontare la storia in modo differente dalla versione che il regime avrebbe voluto imporre.
Per quanto la situazione sociale ed economica qui in Italia sia disastrosa, è difficile immaginare cosa significhi davvero essere private/i della libertà di circolare in rete, visitare siti, scrivere su un blog, aprire un profilo su facebook, postare immagini e video. La tenacia e la forza della popolazione tunisina è stata ammirevole. Né la censura, né la violenza cieca della repressione poliziesca hanno fermato la lotta per un paese migliore. La strada è certamente ancora lunga. Ben Alì è stato cacciato, ma continua purtroppo a resistere più o meno esplicitamente il sistema che lo ha appoggiato e difeso in questi decenni.
Forse per la prima volta, la storia della rivoluzione tunisina ha posto agli occhi di noi tutte/i quanto la cosiddetta controinformazione abbia un ruolo centrale e fondamentale nei processi di trasformazione e lotta contemporanei.
Oggi ciò che non si vede, non esiste. Nella società dello spettacolo i rapporti sociali fra gli individui sono assolutamente mediati dalle immagini. Il potere dei media è grandissimo e difficile da scalfire.
I blog, ma soprattutto i social network si sono invece dimostrati strumenti indispensabili per comunicare velocemente e agilmente con il resto del mondo. La gente ha potuto rendersi protagonista attiva della dimesione informativa, veicolando notizie e informazioni dal basso, senza censure.
Certo i social network meriterebbero un ragionamento più complesso e approfondito. Per certi versi si sono trasformati (o sono sempre stati?) in strumenti di controllo sociale, in luoghi di consumo (non solo di relazioni), in mondi paralleli dove tutto è più reale del reale…ma non è questo il contesto per spingere così lontano la riflessione.
In questo caso sono stati utili se non fondamentali strumenti di controinformazione diffusa, dal basso. Ci hanno costretto a guardare e in molti/e abbiamo guardato nella speranza che quella voglia di resistenza e rivoluzione ci contagiasse tutte/i.
É un “petit livre”, che si legge facilmente, tutto d’un fiato. Se vi capita di imbattervi in questa Tunisian Girl, non lasciatela sullo scaffale e provate a conoscerla attraverso le sue parole semplici, chiare, che arrivano dritte alla testa, alla pancia, al cuore.

Posted in pensatoio, primavera araba, recensioni, storie di donne.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.