Skip to content


Gravidanza precoce, povertà e violenza: lo stesso problema

Vi segnaliamo questo articolo che abbiamo raccolto dal sito Women in the city e poi tradotto per il blog di MeDeA.

PERU ‘ – Gravidanza precoce, povertà e violenza: lo stesso problema
di Zoraida di Portillo
Lima – Irene ha 17 anni e due figli, il maggiore di quattro anni, il secondo appena di otto mesi. Precisamente, il suo primo figlio l’ha avuto all’età di 13 anni. Sua sorella ha appena compiuto 15 anni e ha un bambino di due mesi. Le osservo sedute davanti a me, con i loro bambini. Non sembrano stanche o tristi, di tanto in tanto fanno delle facce buffe, giocano con le loro creature come se stessero giocando con  le bambole che non hanno mai avuto.
“Sono una nonna molto giovane, ho 39 anni,” dice Maria Rosa, madre di entrambe, come se fosse la cosa peggiore che le sia successa. “Beh, hanno dovuto lasciare la scuola per prendersi cura dei loro bambini, erano in terza media,” dice con una scrollata di spalle.

“Io mantengo tutta la famiglia, immaginate, cinque bocche da sfamare che hanno bisogno, ecco perchè a volte non ho alcun controllo su di loro; nel quartiere dove vivo tutte le ragazze giovani rimangono incinta”, spiega . Poi dice che per lei sarebbe un “sollievo” se le loro figlie trovassero qualcuno con cui stare e un’altra casa in cui abitare.
“Il padre del mio nipote più grande è in carcere per commercio di PBC (cocaina), è fuori di testa quindi è meglio che sia in prigione. Ora c’è un altro ragazzo che gira intorno alla mia figlia maggiore, speriamo di avere più fortuna con questo …” sospira.
E le chiedo perché non ha parlato alle sue figlie di educazione sessuale affinchè non rimanessero incinta, imbarazzata nel dover usare termini così contorti per un argomento difficile e quotidiano per loro, come la vita sessuale.
“E ‘difficile, non ci sono soldi per questo”, spiega. “Una ragazza può ottenere contraccettivi solo se li compra a caro prezzo, sono gratuiti solo per le donne più grandi”, dice Maria Rosa.
Infatti, i contraccettivi sono stati distribuiti gratuitamente nelle strutture del Ministero della Sanità per le donne oltre 18 anni. Le ragazze più giovani possono accedervi solo per ragioni mediche o tramite ricetta. Oppure, devono comprarli in farmacia a prezzi che vanno dai 15 ai 30 dollari. Impensabile per la gente povera che a volte riesce a guadagnare 30$ o anche meno al mese.
L’intervista ha avuto luogo a Villa El Salvador, a Lima: poveri insediamenti umani, dove, anche se sembra difficile da credere, esistono classi sociali. Nella Villa sono classificati come cittadini di serie C coloro che hanno un reddito fisso, servizi igienici di base, energia,ecc. fino ad arrivare alla E, coloro che vivono in estrema povertà, come Maria Rosa e le sue figlie.
A casa di Maria Rosa c’è un via vai di persone, passano la parola ai vicini: stanno facendo un’ intervista sulle gravidanze precoci.
Emilio, un ragazzo di 17 anni, ci dice che avere figli in giovane età non richiama grande attenzione, è quasi una dimostrazione di maturità per i ragazzi. “Io ho un chibolo (bambino) di tre mesi”, dice senza nascondere il suo orgoglio.
Inoltre ha dovuto lasciare la scuola, quarto anno di scuola secondaria per mantenere suo figlio. “Io riciclo dei rifiuti, è tutto quello che ho trovato per ora, ma ho altre aspirazioni e mi han promesso di farmi lavorare nell’affissione dei manifesti,” dice.
Testimonianze che si succedono, impossibile da coglierle nella loro interezza, ma in ognuna di essa si ripete il circolo vizioso della povertà, gravidanze precoci = più povertà e minori opportunità di sviluppo.
Madri più giovani, madri più povere.
“I genitori delle madri adolescenti sono intrappolati nella povertà”, ha detto Guillermo Dema SEMlac, specialista dell ‘Organizzazione internazionale del lavoro, dicendo che per mantenere i loro figli, questi devono lasciare la scuola e andare a lavorare.
Da parte loro, le donne vorrebbero continuare a studiare e alcune anche lavorare,ma questo vorrebbe dire raddoppiare se non triplicare l’onere. Devono almeno aspettare che i figli crescano.

Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (INEI), in media ogni anno, il 12,7% delle adolescenti peruviane tra i 15 ei 18 anni rimane incinta. In altre parole, 115.000 nuove madri adolescenti ogni anno. Si noti che questa percentuale non riguarda ragazze come Irene e sua sorella, che son diventate madri prima dei 15 anni.
Tuttavia, questo non avviene solo a Lima ma anche e soprattutto in altre città del Perù orientale che hanno i più alti tassi di gravidanze in età adolescenziale, in particolare tra i popoli dell’Amazzonia, dove la percentuale sale al 40%, secondo l’UNICEF.
L’alta percentuale di tali gravidanze è dovuta, a sua volta, ad un’attività sessuale precoce e non protetta. Un altro studio, condotto dalla Commissione Nazionale per lo Sviluppo e la Vita Senza Droghe, condotto nel 2009 ha rivelato che sette studenti su dieci sono sessualmente attivi.
L’età media del primo rapporto sessuale è di 13 anni, secondo i dati raccolti tra i 65.000 adolescenti del paese. Ma il sondaggio ha rilevato che molti iniziano già dai  10-11 anni. Ed ecco quale potrebbe essere la chiave della gravidanza precoce: quasi un terzo dei ragazzi ammette di non utilizzare nessun metodo contraccettivo, il 33,7% usa il preservativo, il 37% lo usa quando capita.
La faccia nascosta: la violenza sessuale.
Se i dati precedenti espongono una preoccupante disinformazione sessuale, d’altro canto il 13,6% delle adolescenti che sostengono di fare sesso regolarmente, ha dichiarato che la sua “prima volta” è stata costretta, portando ad un altro lato del problema: la violenza sessuale domestica.

“A me tuttavia non han mai messo le mani addosso, perché sono sempre pronta!”, dice Estela, un’altra ragazza che si è unita alla conversazione a Villa El Salvador. “Come? Ho sempre a portata di mano una pietra, al primo che ci prova gliela do in testa!”, dice, prendendo dalla tasca dei suoi pantaloni stretti una pietra massiccia.
Maria Rosa è più rassegnata. “A volte bisogna incassare il colpo, o è così o si muore di fame”, sintetizza senza batter ciglio. Abbiamo casi ancora peggiori, per esempio una madre che fa finta di non vedere gli abusi sessuali che subisce le propria figlia dal suo partner, per non perdere il sostegno finanziario della famiglia di lui.. “
Secondo l’ONG Manuela Ramos, ogni ora nove donne sono vittime di aggressioni fisiche nella propria casa, e tre hanno subito aggressioni psicologiche. I responsabili: in primo luogo, il partner e poi, un parente stretto.
“Nella violenza che quotidianamente le giovani donne subiscono, confluiscono una serie di aspetti che vanno oltre l’esistenza dei valori patriarcali, la ripetizione dei ruoli vissuti e sperimentati all’interno della casa, la discriminazione – comune alla società peruviana – e il sovraffollamento  della famiglia “, ha detto una sociologa del SEMlac Carmen Fernandez, che lavora principalmente con giovani migranti.
“C’è un dato che non compare nelle statistiche: il numero delle famiglie povere, che ha magari solo un letto dove dormono tutti i membri della famiglia, a volte fino a sette persone, e se ad esso si aggiunge il fatto che spesso il padre biologico è stato rimpiazzato da un nuovo partner della madre, si ha un altissimo rischio di abusi sessuali “, continua.
“In molti casi, a tutto ciò si aggiunge una storia di abusi e violenze sessuali perpetrate contro donne e uomini da quando erano piccoli. Quindi, la madre tende a scaricare tutta la sua frustrazione sul bambino o la bambina che da subito impara che la violenza è parte integrante della sua vita “, aggiunge.
E lo Stato?
Cosa stanno facendo le istituzioni pubbliche per affrontare questi problemi? “Il Ministero della Donna sta creando un registro unico di identificazione delle vittime di violenza sessuale domestica, che si collegherà con i Ministeri della Giustizia e degli Interni”, ha detto Maria del Carmen Abregu, direttrice del Ministero della Giustizia in materia di violenza contro le donne.
E, per quanto riguarda la gravidanza precoce, la ministra Nidia Vilchez, ha presentato al Congresso dello scorso 23 marzo un disegno di legge per assicurare che bambine e adolescenti incinte possano continuare a studiare.
Per lei è “discriminazione” impedire ad una adolescente incinta di poter continuare i suoi studi.

Alcuni ospedali pubblici hanno messo in atto anche programmi di assistenza per queste giovani madri e anche cure gratuite; ma quello che continua a fallire è proprio il primo anello di questa catena: un’educazione sessuale adeguata e precisa.
“Abbiamo bisogno di politiche statali che riconoscano il problema delle gravidanze in età adolescenziale e che, di conseguenza, forniscano informazioni sulla vita sessuale ben precise, e che diano l’accesso libero ai contraccettivi ai minori di età e non solo; educazione sessuale gratuita specialmente indirizzata ai giovani, senza avere il timore di pressioni da parte di gruppi religiosi e conservatori “, ha segnalato un funzionario del  Ministero della Salute presente al forum. “

Un segno che i tempi stan cambiando nello stato del Perù?

Posted in aborto, autodeterminazione, contraccezione, corpi, pensatoio, recensioni, sessismo, storie di donne, violenza di genere.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.