Skip to content


Roma, 15 ottobre 2011

Riceviamo e pubblichiamo.

Per il nonno di Antonio, che ogni giorno fa un giro a Porta Palazzo mentre smontano i banchi del mercato per cercare tra le cassette di frutta e verdura qualcosa da portare a casa.

Per Laura, che alla fine dell’ennesimo colloquio di lavoro si è sentita dire “lei è giovane e carina, avrà sicuramente un’altra opportunità”.

Per Elisabetta e Luca, che hanno tre figli piccoli e andranno in giro a piedi tutto l’inverno perché la macchina non se la possono più permettere.

Per Monica, che è partita per gli Stati Uniti con la sua laurea e la sua malattia, stanca di essere considerata una categoria protetta.

Per Sandra, che si fa tutti i giorni quattro ore di treno per andare a lavorare, sedili luridi e mai in orario, e pensa che se fanno la Tav un pacco di biscotti viaggerà più comodo di lei.

Per Felicia, che cura e ama i figli di un’altra donna mentre i suoi crescono senza di lei dall’altra parte del mondo.

Per Gregorio, che lavora tre giorni al mese e probabilmente si farà tutto il 2012 in cassa integrazione.

Per Augusto, che arriva dal Cile e passa la giornata sulle panchine dei giardinetti a giocare coi cani degli altri, che mangiano meglio di lui, e non chiede mai un centesimo a nessuno.

Per Alessia, che studia all’università e a vent’anni è convinta di non avere alcun futuro.

E infine per Maria, che era semplicemente una ragazzina palestinese, non bianca, non bionda.

Non aveva un mantello celeste. Non era una statua di gesso.

C.

Posted in pensatoio, personale/politico, precarietà, resistenze, roma15ottobre.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.