Skip to content


Stupro di gruppo, no all’obbligo del carcere

da RadioBlackout

Nei procedimenti per violenza sessuale di gruppo, il giudice non è più obbligato a disporre o a mantenere la custodia in carcere dell’indagato, ma può applicare misure cautelari alternative. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, dando un’ interprestazione estensiva ad una sentenza della Corte Costituzionale del 2010. Una decisione che ha scatenato la reazione di molte donne. Il commento e la riflessione del collettivo Medea: audio medea

A questi link altri approfondimento in merito.

Storia della legge sullo stupro

Stupro di gruppo, salta il carcere

Posted in femminicidi, pensatoio, storie di donne, violenza di genere.


No Responses (yet)

Stay in touch with the conversation, subscribe to the RSS feed for comments on this post.



Some HTML is OK

or, reply to this post via trackback.